Pane in comune

PaneInComune_eufemia

Da Ottobre 2015 stiamo ampliando il già nostro progetto “Raccolta dell’invenduto”, sviluppando: “Pane (in) Comune – dalla pratica dell’invenduto nei mercati rionali all’etica del cibo-bene comune“. Eufemia è, infatti, risultata fra i vincitori del bando “Beni e reti di prossimità – Fatto per Bene” promosso da Compagnia di San Paolo. Il progetto prevede di ampliare sperimentalmente ai mercati rionali di altre Circoscrizioni la triennale pratica di raccolta/redistribuzione dell’invenduto avviata dalla fine del 2012 grazie al contributo della Circoscrizione 3 di Torino, in collaborazione con i Servizi Sociali, nei mercati di Corso Racconigi e Corso Brunelleschi. Ogni sabato pomeriggio al termine del mercato il gruppo delle famiglie beneficiarie, insieme agli operatori di Eufemia e ai volontari, si riuniscono presso i locali dati in concessione dalla Circoscrizione e passano tra i banchi del mercato per la raccolta dei generi alimentari in eccedenza donati dai commercianti. In seguito si procede, insieme, alla selezione ed alla distribuzione. Al termine delle attività, la pulizia degli spazi avviene con la collaborazione di tutti.

OWNERSHIP, PRO-ATTIVITÀ , CURA RECIPROCA, AMICIZIA, PROSSIMITÀ.

I beneficiari del servizio gestiscono tutte le fasi in crescente autonomia, verso un potente ribaltamento di senso: persone svantaggiate diventano esperte nella gestione partecipata di una risorsa fondamentale per tutti, per un nuovo paradigma di sostenibilità che riconferisce al cibo il suo senso primario di bene-comune. Nel fare-insieme fioriscono relazioni di solidarietà ed amicizia che spezzano le solitudini, spesso gemelle di povertà vecchie e nuove.

PaneInComune_mercati_eufemia
paneInComune_Eufemia

cosapuoifaretu_paneincomune_eufemia

Se sei un commerciante: partecipare donando cibo (frutta, verdura, prodotti da forno, carne, formaggi, salumi) prossimo alla scadenza o con dei difetti, ma ancora commestibile, che andrebbe sprecato poichè non arriverebbe alla riapertura del mercato.

Se sei una famiglia in difficoltà: partecipare alla raccolta, alla distribuzione e alla gestione degli spazi e ricevere il cibo sottratto allo spreco alimentare.

Collaborare come volontario e condividere delle buone pratiche per un modo diverso di abitare la città: più consapevole, più solidale, più sostenibile.

 Loghi_insieme2